EBONY & IVORY

“Ennesima tragedia” gracchia il notiziario
“Altri cinquanta migranti morti”

L’omuncolo arraffa il telecomando
E spegne indignato la televisione
“Dio che vergogna” vomita d’istinto
“Altro che profughi: sparare a vista”

Sorseggia un tè bollente
Al gusto di rancore
Prova a cercare pace al pianoforte
Si accomoda allo sgabello
Solleva il coperchio con decisione

Lo sguardo inorridito e incredulo
Di chi si ritrova solo i tasti bianchi
Solo avorio, niente più ebano
Una distesa candida di note pure
Senza intervalli infetti di semitono
Senza spiacevoli alterazioni
Di quegli sporchi diesis così ingombranti
“Come faccio senza tasti neri?”

Per un beffardo gioco del destino
La sola tonalità concessa a un razzista
È proprio quel verbo a lui sconosciuto
“Do”

Roberto Ragazzo

(Poesia inedita tratta da Sol Invictus, spettacolo
multimediale sul tema degli opposti andato in scena
per la prima volta il 19/12/2015 al Planet Soul di Gallarate).
keyboard2