L’EREDITÀ

Scratch. Scratch.
Il fruscio sommesso della lama d’acciaio del tagliacarte echeggiava come un boato nel silenzio immobile dello studio, sovrastando il clic intermittente delle lucine che addobbavano il bianco alberello di Natale dietro l’imponente scrivania.
Il notaio De Santis aveva appena rimosso il sigillo di ceralacca e si accingeva a completare l’operazione che avrebbe rivelato il contenuto della busta. Continua a leggere

Annunci

CHIAMATA PERSA

“Sconosciuto”.
Non si accettano caramelle da quegli individui, figuriamoci se si risponde a un numero mai visto prima. Il lampeggio del display faceva ancora più risaltare l’irritante ronzio del telefono sulla sua scrivania, impedendogli di concentrarsi.
Il cellulare danzò impaziente per quasi trenta, interminabili secondi, girando su se stesso in senso orario sospinto dalla vibrazione fino a terminare la sua corsa spostato di quasi novanta gradi rispetto alla posizione originale. Continua a leggere

GUARDIANI DEL CIELO

“Torre di controllo ad Aquila1. Aquila1, mi senti?”.
“Forte e chiaro”.
“Comunica la tua posizione”.
“Sto per intercettare l’oggetto volante non identificato. Procede indisturbato in direzione sud-ovest. Mi mantengo a distanza di sicurezza”.
“Aquila1, avvicinati con cautela. Potrebbe essere pericoloso”.
“Ricevuto”.
“Sei in grado di descriverlo?”.
Aquila1 sentiva sulle sue ali il peso di una responsabilità mai provata prima. Continua a leggere