CI SONO SEMPRE STATA

“Eppure io per lui ci sono sempre stata”.
La drammatica consapevolezza della sua natura da crocerossina non leniva il dolore, anzi, se possibile dilaniava la sua anima con ancor più ferocia, fino a farle rinnegare un’intera esistenza trascorsa al suo servizio.
C’era sempre stata, certo. E lo aveva sorretto con cieca determinazione da quando lei stessa ne aveva memoria. Lo aveva protetto dal resto del mondo, accecando con la luce dei suoi raggi la cattiveria e la meschinità  di chi avevano incontrato lungo il cammino. Continua a leggere

LA RIUNIONE DI CONDOMINIO

“Manca qualcuno o possiamo cominciare?”.
È la voce stridula della professoressa Archibugi a fendere il distratto chiacchiericcio degli invitati.
“No, dovremmo esserci tutti” la rassicura il braccio destro rag. Attilio Guidi, accomodandosi per primo alla tavola rotonda di fronte all’inseparabile blocco degli appunti.
“Chi presiede l’assemblea di condominio in assenza dell’amministratore? Cosa dice la legge?”.
La precisazione puntigliosa della giovane Vittoria, abituata all’affermazione personale dal nome di battesimo e alla meticolosità dalla professione di Direttore Commerciale di una web agency, si insinua nella perfetta macchina organizzativa imbastita dai due promotori ingolfandone gli ingranaggi.

documento“Dovremmo nominare un Presidente tra i presenti e un segretario che si occupi del verbale” risponde la prof gelida.
“Questa però non è una vera e propria Assemblea: preferirei definirlo un incontro informale tra condomini con lo scopo di discutere amichevolmente di interessi comuni” aggiunge.
“Ma quali interessi comuni! Diciamo le cose come stanno: voi volete far fuori l’Amministratore. A me sta bene, anche se non sono d’accordo, però giochiamo a carte scoperte” tuona il Maestro Preziosi, pittore di chiara fama e inquilino dell’atelier al terzo piano.  “Sappiate che non amo le riunioni segrete convocate alle spalle del diretto interessato”.

Continua a leggere

CENTO PER CENTO ARABICA

La scena si svolge all’interno di un ristorante qualsiasi, con arredi anonimi dagli improbabili accostamenti  rosso/arancio. Sei accolto da una donna sorridente, il cui tono di voce suadente e cortese non fa presagire la tortura cui sarai sottoposto.

Capisci che la serata prenderà una brutta piega quando ordini due Prosecchi e la giovane Cicerona snocciola uno sterminato elenco di bottiglie che termina con un inesistente “Valdobbiadena” (?!); il lieve fastidio assume però subito la forma del “what the fuck” quando tu, ignaro, chiedi una bottiglia di minerale frizzante e lei, melliflua, ti porge la “CARTA DELLE ACQUE”. Continua a leggere

MEZZERIA

“MEZZERIA”
(poesiucola ispirata da una foto scattata per caso)

Un amore da poco appassito
È una rosa calpestata
Adagiata esanime sull’asfalto umido
Al centro esatto della carreggiata

Il gambo avvolto dal buio
Della strada vecchia
Ancora affastellato delle spine
Che han forato le gomme
Delle tue certezze grigie

Il fiore rosso vivido
Risalta di gioia e sopita passione
Sulla linea bianca di mezzeria
Si affaccia timido a guardare oltre
E accenna appena al cambio di corsia

È ancora troppo presto
Per azzardare il sorpasso dei ricordi

R.R.

RED CARPET

Anche stasera mi state aspettando
Sono abituato a farmi attendere
Da primadonna sul tappeto rosso
Invocato dalla stampa
Temuto per i suoi capricci
Sono la vostra speranza più rosea
E il timore più cupo e nefasto

Mi sento fischiare le orecchie
Anche oggi mi tirate in ballo
Parlate di quanto devo essere bello
E di come irromperò sul palco
Ribaltandovi lo spettacolo
Da tragedia a commedia brillante

Sì, perché brillo
Ma non della mia luce
Rifletto le vostre fiammelle fioche
Barlumi flebili di posticce rinascite
E brillo, sì
Finisco brillo ogni notte
Ubriaco dei vostri laidi desideri
Ad insultar la luna

Detesto avvertire sulle mie spalle
Il peso delle vostre banali aspettative
Ecco perché mi volatilizzo
Fuggevole Araba Felice
Felice di rinascere celere da cenere
Di giungere sempre
E non restare mai

Sparlate pure di me
Nessuno mi ha mai visto
Gli attori siete voi
Io sono il Fantasma dell’Opera
Che muove da dietro le quinte
Gli ingarbugliati fili di voi marionette

Il punto è che io
Non so mettere un punto
Al massimo tre
Per la sospensione

Continuate a fare il mio nome
Non potrete certo definirmi
Vengo al mondo ogni mattina
E al primo vagito son già muto
Muto e mi zittisco
Ormai pronto per la sepoltura

Io son l’unica creatura
Che appena nasce muore
Al sorgere del sole svanisco
E poi risorgo
Lazzaro inafferrabile

Molti mi vedono come
“un altro giorno”
Io preferisco chiamarmi
Il Domani

Roberto Ragazzo

maxresdefault
 (Poesia inedita tratta da Sol Invictus, spettacolo
multimediale sul tema degli opposti andato in scena
per la prima volta il 19/12/2015 al Planet Soul di Gallarate).

EBONY & IVORY

“Ennesima tragedia” gracchia il notiziario
“Altri cinquanta migranti morti”

L’omuncolo arraffa il telecomando
E spegne indignato la televisione
“Dio che vergogna” vomita d’istinto
“Altro che profughi: sparare a vista”

Sorseggia un tè bollente
Al gusto di rancore
Prova a cercare pace al pianoforte
Si accomoda allo sgabello
Solleva il coperchio con decisione

Lo sguardo inorridito e incredulo
Di chi si ritrova solo i tasti bianchi
Solo avorio, niente più ebano
Una distesa candida di note pure
Senza intervalli infetti di semitono
Senza spiacevoli alterazioni
Di quegli sporchi diesis così ingombranti
“Come faccio senza tasti neri?”

Per un beffardo gioco del destino
La sola tonalità concessa a un razzista
È proprio quel verbo a lui sconosciuto
“Do”

Roberto Ragazzo

(Poesia inedita tratta da Sol Invictus, spettacolo
multimediale sul tema degli opposti andato in scena
per la prima volta il 19/12/2015 al Planet Soul di Gallarate).
keyboard2